close
Celiaci in Italia

Celiachia, casi in aumento in Italia: gli interventi dei nuovi Lea

I casi di celiachia in Italia sono in aumento, per questo si è sentita la necessità di aggiornare i Livelli essenziali di assistenza (Lea).

Dalla Relazione annuale del Ministero della Salute è emerso che i casi di celiachia in Italia sono aumentati, passando da 64.398 nel 2007 a 182.858 nel 2015.

Da questo quadro è emerso che la maggioranza di italiani affetti da celiachia si trova in Lombardia, con una percentuale del 17,7% (32.408 celiaci), seguita dalla Campania e dal Lazio con una percentuale di 9,7% (17.777 celiaci).

In seguito a questi dati, sono stati aggiornati i nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea) con lo scopo di incentivare tutele e cure e rendere omogenei i servizi a livello regionale, senza allontanare i cittadini celiaci dalla propria residenza.

La celiachia, secondo i nuovi Lea, è stata spostata dalla lista delle malattie rare a quello delle malattie croniche invalidanti. In questo modo i celiaci possono usufruire  di ogni prestazione sanitaria relativa al monitoraggio, alle complicanze e alla prevenzione contro gli aggravamenti  della patologia.

Il mercato, inoltre, offre ai celiaci una vasta scelta di alimenti senza glutine, servizi di ristorazione dedicati per aiutarli a consumare facilmente un pasto senza glutine anche fuori di casa e una normativa nazionale che promuove la prevenzione e la diagnosi precoce di questa patologia.

I nuovi Lea sono a favore di un’alimentazione sana ed equilibrata che, insieme ad una diagnosi corretta, può eliminare i sintomi della celiachia.

L’unica terapia utile per la celiachia, infatti, è la dieta senza glutine, che i pazienti devono seguire con costanza e impegno per tutta la vita. Cambiare improvvisamente le proprie abitudini alimentari può sconvolgere la vita e può portare a conseguenze psicologiche, per questo le persone affette da celiachia, e in particolar modo i bambini, hanno bisogno di un sostegno e di un supporto psicologico.

Fonte:
bimbisaniebelli.it

Tags : celiachiaceliacidiagnosi celiachiaprodotti senza glutinesenza glutinesintomi celiachia