close
Ricerca scientifica

Celiachia e ricerca: ecco come rendere il glutine tollerato dai celiaci

Niente più dieta senza glutine: dal CNR arriva il modo di renderlo tollerato anche dai celiaci.

Rendere il glutine tollerato e non più tossico per i soggetti celiaci: è questo l’obiettivo dell’equipe medica del CNR guidata da Mauro Rossi, ricercatore dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del Centro Nazionale Ricerche e questa volta sembra proprio che ce l’abbiano fatta. “Anziché metterci alla ricerca di sostanze che sostituiscano il glutine nei cibi, ci siamo concentrati sulle strategie di recupero e di cura. Abbiamo quindi pensato di trovare un sistema di mascherare il glutine all’organismo”. Questa nuova tecnologia, infatti, è applicabile alle farine di cereali e rende il glutine inoffensivo per chi è affetto da celiachia.

Come? Grazie a un enzima (una transglutaminasi microbica) che lega alla molecola di glutine degli amminoacidi modificati. In questo modo la struttura molecolare del glutine viene alterata e il sistema immunitario non è più in grado di riconoscerla e quindi non reagisce più con una infiammazione alla sua presenza. Seconda buona notizia: il sistema (protetto da brevetto dal CNR) è già stato acquistato da unazienda produttrice di alimenti che presto potrebbe portare i nuovi alimenti per celiaci con farine di grano e cerali sugli scaffali dei supermercati. Rossi, inoltre, ha precisato che la modificazione genetica non porta con se alterazioni del sapore: i nuovi alimenti avranno infatti esattamente lo stesso sapore e le stresse caratteristiche organolettiche di quelli preparati con farine tradizionali.

Ma è un sistema sicuro? I test sino ad ora condotti dicono di si. Il nuovo procedimento è stato infatti sperimentato in vitro su cellule dipazienti celiaci e non ha mostrato effetti collaterali. Ciò è avvalorato anche dal fatto che lo stesso tipo di legame enzimatico che viene indotto attraverso questo procedimento si verifica naturalmente nella carne, il legame quindi è naturalmente in grado di essere scisso dai reni. Questo esclude la possibilità che nell’organismo si accumulino sostanze dannose per l’organismo. Il dato è supportato inoltre dai test in vivo recentemente condotti.

Quali sono i prossimi passi? Prima di tutto un trial clinico su pazienti celiaci, in programma a breve grazie alla collaborazione dell’Università de La Sapienza di Roma. Superato il trial clinico, il nuovo metodo dovrà passera al vaglio dell’European Food Safety Authority prima di poter raggiungere i punti vendita e, quindi, la tavola dei celiaci.

Sospetti di essere celiaco?! Puoi verificarlo comodamente da casa tua, con un test genetico sicuro e non invasivo. Informati cliccando qui.

Fonte immagine: Novartis AG – Flickr.com

Tags : celiachiaceliaciCNRgluten freeglutineguariremascherarericercascientificascopertasenza glutinesintomi celiachia