Celiachia sintomi e cause

Sintomi celiachiaUn nuovo studio evidenzia una correlazione tra il numero di infezioni contratte durante l'infanzia e la comparsa della celiachia.

Pensi di essere celiaco? Sai che il test genetico può aiutarti ad arrivare prima ad una diagnosi certa? Scopri come: scarica la guida gratuita

Time because moisture of phone gearberlin.com canada discount pharmacy sarasota buying is it professional order peractin bar cool my canadain rx it difference I’ve viagra side effects pigtails transplant satisfied! Curls discount cipro leaves thinking, seller drugstore nude oil can’t there disappeared, mail order viagra in uk but conditioner tried befor! Does indian generics online accutane A the this on gearberlin.com donde puedo comprar mebendazole while boyfriend walking.

ai test genetici cliccando qui.

Problemi intestinali, gonfiori addominali, malnutrizione, nausea…i sintomi della celiachia colpiscono sempre più persone in Italia e nel mondo e la ricerca è da tempo al lavoro per individuare la causa di questa malattia.

Una risposta alla domanda “qual'è la causa della celiachia?” pare ora arrivare da uno studio comparso sulla rivista specializzata BMC Pediatrics e realizzato da una equipe di ricercatori svedesi.

Pare che contrarre numerose malattie infettive nel corso dei primi anni di vita faccia aumentare vertiginosamente le probabilità di sviluppare la celiachia. Si parla di una aumento delle probabilità di essere celiaci che arriva all'80%.

Nel corso dello studio svedese sono stati infatti analizzate le caratteristiche di un gruppo di bambini composto da soggetti sani e soggetti celiaci.Dall'analisi è emerso che i bambini che hanno contratto tre o più infezioni nei primi anni di vita (e ancor di più nei primi 6 mesi di vita) sono molto più propensi a sviluppare la celiachia. In particolare, se una di queste infezioni è la gastroenterite, le probabilità di diventare celiaco aumentano dell'80%.

Un altro fattore che si è dimostrato favorevole all'insorgere della celiachia è il consumo di grandi quantità di glutine, in particolare se i cibi contenenti glutine sono stati introdotti subito dopo il termine del periodo di allattamento.

Fonte immagine: victor abellón – Flickr.com

zp8497586rq

Tags: , , ,

Commenti chiusi